Smettere…mettermi a

S.mettere mettersi a…

Me lo dico sarebbe bello rivoluzionare tutto

non pensare al surreale di pecore che brucano in questa città alla deriva.

Oppure girare le chiavi di casa e aprire altri spazi con finestre su vallate o prati fioriti.

(Invece che macchine indaffarate e vicini incuranti strillanti)

Smettere di pensare ai soliti pensieri affezionati.

Mettersi al lavoro nonostante i dolori, le delusioni, le separazioni.

Smettere l’incomprensione come un vestito vecchio, lasciare andare le soluzioni sbagliate di calcoli impossibili.

Ma io sono felice se canto su una corteccia di acero sulla collina

La solita solitudine è solo qualcosa di troppo stretto che si può anche

non indossare.

I colori e i sorrisi sono dentro, ma non al sicuro perché le serrature qui non servono più per chiudere e conservare gelosamente.

Condivido quando vuoi esserci

non scappi dalla bellezza.

Quando non sei un satellite costretto dalla tua orbita a girare incessantemente.

Quando ti fermi

e ti muovi allo stesso tempo

Se mi guardi e mi ami

e magari smetti di temere il tuo umano prigioniero di genealogie effetto domino.

Mettersi a respirare quello che arriva colori odori suoni accoglienti, senza depredare o strappare.

Smetto di avvicinarmi a quella terra che non mi piace quando non ha spazio per ascolto, tenerezza presenza senza giudizio.

E continuo a navigare

pure con bussole sconclusionate.

Annunci

E’ come se…

la nostra solitudine imponesse distanze

oggi ho fatto un viaggio di memoria con immagini che non sapevo o dimenticavo

ti ho rivisto nel tuo bisogno d’amare e in quella superficialità per non soffrire, ambivalenza per non esporti mai.

E’ come se ti avessi evocato e continuo a farlo

le magie che ne escono fuori sono da freak show, alcune sul versante sadico compulsivo

le dipendenze esistono eccome…

non è semplice liberarsene

dipendere da quello che fa male che non è il tuo bene.

Quell’amore in un velo che butto in aria e poi finito a terra, ci danzo attorno, magari lo pesto o lo raccolgo.

E’ come se questa mancanza sia la nostra condanna,

non ci siamo mai parlati tanto per evitare di riconoscerci

e sicuramente ci siamo mancati  tantissimo

a distanza scrutavamo segni dell’altro

e sicuramente ne eravamo terrorizzati

e poi  il lato sadico ed indifeso ed il bisogno d’isolarsi

come se… non ci fosse altro di più bello di questo non amore

e ora mi vedo appesantita zavorre.

non sempre con tanto desiderio di desiderare,

eppure sì

lo voglio lo vorrei

un angolino dove accoccolarsi e non far nulla ascoltare il battito e la pulsazione e la voce che canta vita

perchè sai… ho ritrovato la voce

già, una piccola grande guerriera mi ha riportato sulla strada del canto

e io le sono grata,

anche per quelle risate

sono grata,

condivise tra tante storielle di folli lacrime fatte di chiodi

come se… tu non ci sia

e mi manchi, pure se la tua assenza è

fondamentalmente il modo  per mettermi in vita

mettermi alla luce

rinascere e rimorire

qui sto

è come se… quel baratro di bugie  ben riflesse in tanti specchi

venga riproiettato all’infinito

e la testa gira e il corpo vortica su di sè

vorrebbe spiccare il volo ma è pesante è largo è curvo

ha uno sguardo preoccupato

perchè tu non lo hai abbracciato e non lo hai trattenuto il più possibile.

In volo l’hai sollevata quella bimba e poi rovinosamente

è scivolata o l’hai fatta cadere,

non è dato sapere.

e sembra il giorno della marmotta…DSCN0995

 

della poraccitudine e altre freakshow storie

non sono brava con parole argute

ma ho simpatiche amiche

presenti nel presente e nel passato

con esse si parla di questo e di quello

e anche di quell’altro

argomenti non ci mancano

ma non capiamo  insistiamo crediamo

e non troviamo sto filo d’Arianna

come ti muovi o non ti muovi sbagli

il perdere tempo il disamore

o cercare tempo incastro  come appuntamento dal dentista amato o odiato, temuto.

questo amore e dov’è?

troppo preso a mirarsi nel laghetto  scorgendo da lontano un’ ombra di mamma (sempre quello eh)

aver  da fare con le proprie ansie o ire

e noi  non riusciamo proprio a fare il sottovaso

proviamo riproviamo

cerchiamo vasi autosufficienti  e coraggiosi nell’osare

privi di desiderio  di autoaffermazione egoica  quella roba tanto di moda che  sovente prevede,  incluso nel prezzo,  il totale annullamento dei sentimenti altrui (o bisogni)(o corpi)(o desideri)

dicasi  colorati  con un pò di rispetto o maturità

ma nell’affascinante  mondo di poraccitudine bisex (perchè credo valga per tutti i sessi pure se i maschi ci tengono a mantenere un certo primato) lo spettacolino da circo affabulatorio, cabaret crudele, va avanti con tutti i vari personaggi della farsa (si paga il biglietto eh)

invece per farla breve

antichi poeti napoletani (1922) sapevano,

Napoli per me  ricchezza degli avi, di quello che non si può dire e si dice

studio ora questo, ci lavoro, la pronuncia  gli accenti e intenzioni

amore appassionato

 

CANZONE APPASSIUNATA

(E. A. Mario – 1922)

N’albero piccerillo aggiu piantato,
criscènnolo cu pena e cu sudore.
Na ventecata giá mme ll’ha spezzato
e tutt’ ‘e ffronne cágnano culore.
Cadute só’ giá ‘e frutte e tuttuquante,
erano doce, e se só’ fatte amare.
Ma ‘o core dice: “Oje giuvinotto amante,
‘e ccose amare, tiénele cchiù care”.
E amara comme si’, te voglio bene.
Te voglio bene e tu mme faje murí.
Un piccolo albero ho piantato,
crescendolo con pena e con sudore.
Una ventata già me l’ha spezzato
e tutte le foglie cambiano colore.
Sono già caduti tutti i frutti,
erano dolci, e sono diventati amari.
Ma il cuore dice: “Oh giovanotto amante,
le cose amare, tienile più care”.
E amara come sei, ti voglio bene.
Ti voglio bene e tu mi fai morire.
Era comm’ ‘o canario ‘nnammurato,
stu core che cantaje matina e sera.
“Scétate” io dico e nun vò’ stá scetato.
E mo, nun canta manco a primmavera.
Chi voglio bene nun mme fa felice,
forse sta ‘ncielo destinato e scritto.
Ma i’ penzo ca nu ditto antico dice:
“Nun se cummanna a ‘o core”. E i’ mme stó’ zitto.
E mme stó’ zitto, sí,te voglio bene.
Te voglio bene e tu mme faje murí.
Era come il canarino innamorato,
questo cuore che cantò mattina e sera.
“Svegliati” io dico e non vuole star sveglio.
E ora, non canta nemmeno la primavera.
Chi voglio bene non mi fa felice,
forse sta in cielo destinato e scritto.
Ma io penso che un detto antico dice:
“Non si comanda al cuore”. E io sto zitto.
E sto zitto, sì, ti voglio bene.
Ti voglio bene e tu mi fai morire.
Chiagno p’ammore, e cade ‘o chianto mio
dint’a ‘sta testa: ‘o chianto ‘a sta arracquanno.
Schiòppa na bella rosa e i’, pe’ gulio,
a chi mm’ha fatto chiagnere nce ‘a manno.
Lle dico: “Rosa mia tu mme perduone
si te scarpesarrá senza cuscienza”.
Ce sta nu ditto ca mme dá ragione:
“Fa’ bene e scorda e si faje male penza”.
Pènzace buono sí, te voglio bene.
Te voglio bene e tu mme faje murí.
Piango per amore, e cade il mio pianto
in questo vaso: il pianto la sta innaffiando.
Sboccia una bella rosa e io, per rabbia,
a chi mi ha fatto piangere la mando.
Le dico: “Rosa mia tu mi perdoni
se ti distruggerà senza coscienza”.
C’è un detto che mi dà ragione:
Fai bene e dimentica e se fai male pensa”.
Pensaci bene sì, ti voglio bene.
Ti voglio bene e tu mi fai morire.

 

 

colibrì

simpatico uccello dal grande cuore e cervello si nutre in velocità e frequenza

quasi non potesse prendersi il suo tempo

il nostro tempo  già non saprei quale sia

solo che le righe sono sulla pelle

così pare scorra il nostro tempo

il mio  il vostro e il tuo

che è finito da un pò ormai

e io ti ripenso e ti rivivo in quelle canzoni d’amore che cantavi

di sentimento vibranti come le ali del colibrì

tutto quell’amore che non hai dato e ricevuto

ma che cercavi sicuro e non trovavi  e non sapevi come

allora lo cantavi con passione

e io

ricanto

e io  ora sento che avresti voluto

e mai potuto

anche io figlia, non so come si fa, perchè non trovo nutrimento

apparentemente appagante.

Ma in quel sentimento di emozione musicale

vibra tutto  il cuore che aspetta alla soglia

in controluce

vede  profili si abbaglia e poi  comprende

di nuovo  non sei tu, non puoi essere tu

il bisogno di amore e di cibo

velocemente prendere quasi prima di

essere scoperti bisognosi

di famelica ignoranza

 

Tram N.5

Torrido di luglio di luna piena

tubo di ferro in ritardo

si riempie di cuori umani e di vite

naufraghi e sopravvissuti,

tanti,

stranieri a noi stessi che andiamo nelle periferie dell’impero

verso le follie già conosciute.

Spesso addormentati di liquidi etilici o droghe o desideri

dove eros strappato ai sentimenti.

Sputa persone il tubo e poi lentamente

riparte,

Ne divora altre certamente in attesa

lo spazio vitale è poco gli odori tanti

e il contatto inevitabile con mappe di pelle antiche.

Io ci sono e sono qua nel tubo

in ritardo, con voci che non conosco

verso luci in movimento e immagini deformate.

Arriva la notte e il desiderio di percorrere città da sola

con il buio e spero fresco e vedi

umani su gradini che vorrebbero dormire per non svegliarsi

o altri in gruppi rumorosamente confusi come nebbie,

soli tuttavia

guardo la luna che possa dirmi

perché quello che accade mi lascia sospesa

perché il mio corpo ha una patina di cloroformio e non sente bene

perché la vita degli alberi mi manca

senza il nido

e il cuore dove sono a casa

nomade eremita per un tempo bizzarro

sorridente e sapiente di conoscenze errate

chimere alle quali fare coccole

dolori imprevisti messaggeri lontani

ma poi lì

è la strada

in viaggio

da fermi

non capisci

tu non capisci quanto m’irriti non trovare quel filo, nel groviglio di fili  elettrici non trovo il carica macchina fotog…perchè tanto disordine? non trovo il filo di energia per ricaricare,

lo so,  tu non ci sei più e quante cose avrei potuto imparare da te (guardando le tue vecchie cose che tengo nell’armadietto- non posso buttarle non ora almeno).

non capisci  quanto sia grave questo ristagno ( e il lupo che soffia sulla casa instabile del porcellino che scelse la paglia e l’idiozia).

di questi giorni in isolamento coatto  (a causa di polmoni in tilt)

ho perso il respiro  (e la noia e la gioia)

anche il desiderio( ma quello è sempre stato gioco a nascondino nel peregrinare a vuoto) spesso

già in viaggio e il nove e l’eremita e a te che penso pure con  sorriso da joker (il male dov’è? e la follia? e il demone insoddisfatto? e l’egoismo…)

non capisci

sono anima instabile funambula (non da rassicurare o confortare)

nomade ma stanziale per ora

voglio vivere tutto

anche se perdo tutto

(apparentemente)

 

 

 

non capisci  (siamo diversi?)

ho fame

 

passione

Il mio sguardo si volge verso questa via di platani sotto la mia finestra.

Altre stagioni, loro sono sempre lì, cambiamo abiti gli alberi non si muovono.

Vicino a uno di questi platani un giovane uomo ha perso la sua vita non tanto tempo fà.

Il platano ha assistito a tutto questo veloce divenire dove la tua moto e velocità scivola, muori sul colpo. L’albero ora è diventato un luogo di stupore, lacrime e letture. I tuoi tre bambini ti hanno disegnato e scritto, io non so cosa, non ho letto, ma vedo altri che si fermano per leggere di te sulla corteccia del platano testimone di dolore e incredulità.

Ci sono fiori e girandole, candele accese e oggi qualcuno ha fissato al suolo pure una panchina di legno.

Siete distanti ma noi vi sentiamo presenti ovunque siate o facciate, ci mancate.

Ma non si trattiene chi se ne va, io sento come se venga assorbito dentro noi… i ricordi o quello che ci avete dato diventa una centrifuga che porta ad andare avanti

pure se manca il respiro

pure se ci si ammala

pure se ci si ferma

pure in quei momenti che si vorrebbe solo dormire o non sentire,

pure se si è contenti per una voce nuova ritrovata o si è perso il senso.

L’albero sa tutto e porta con sé

capendo che la vita è radicamento stupore e sentimento.

E poi anche riuscire a respirare…

ti

TI ritrovai nella bellezza di abbracci e contatti di carnemateria

ma non avevo fiato da respirare.

ti aspettavo nella presenza della forza

ma non riuscivo a credere reale.

dimenticavo anelli di latta

e abbagliata trovavo un cerchietto d’oro,

luminoso e perfetto

ma cadendomi nel fango

non era più riconoscibile,

di sicuro puzzava come il mio macerato d’ortica che attira insetti da ogni dove

non voglio larve di coccinelle per preservare la salute  combatti afidi

rischio i probabili parassiti

mi dici di tenere a bada la mente

chi ci bada ormai

quelle storie che mi hai raccontate le conosco già.

in volo ritornano

Gli uccelli migratori son tornati sul balcone

ne hanno da raccontare e io al solito li ascolto…

anche io ne avrei da dire

non un  inverno semplice

di mancanze perdite avvicinamenti scoperte e delusioni

In primavera tornano

mi hanno portato qualcosa di nuovo

tra le zampette

sbrilluccica

 

cerco di afferrarlo e lo vedo: un piccolo cuore di oro rosso raccattato chissà dove

ritornano loro e ritorna il cuore

sarà da fidarsi affidarsi crederci farci una  risata su

sui voli miei narcisi e vani  pure se in cerca di approdi

spero il cuore mi cucini qualcosa di buono

e si dia generoso e coraggioso di tempo.

come il cinguettio degli uccellini carichi di storie e luoghi incredibili

in arrivo

freak show

non hai pagato il biglietto ma ci entri lo stesso

uomo tacchi a spillo e parole di ghiaccio prima apparizione da trickster

anche un ubriaco cronico di sguardi assassini  (punta un coltello capelli in fiamme vomitare senza amplesso)

e la cura di quel viso del passato ormai morto un volto che cucina aria fritta non ascolta con  cuore rosso intrappolato nella rabbia

pure  quello con voce suadente che medita a dieci cm dal suolo con le tasche cariche di bugie grosse come sassi o macigni, se ti prende di mira ti colpisce sicuro con parole fuori luogo o sorrisi  ballo in maschera

 

negli ultimi due giorni apparsi due  sconosciuti

il gigante e lo gnomo

mi salutano con abbraccio e poi prendono in ostaggio la mia mano imbarazzata  per secondi  attimi catturati  per trovare contatto o chissà quale linguaggio altro

E’ un segno

il secondo tempo del freak show comincia

venghino signori e signore

 

ci sarà ancora da ridere

il cuore rotola palla da biliardo

bisogna emozionarsi

lo spettacolo sta per cominciare