colibrì

simpatico uccello dal grande cuore e cervello si nutre in velocità e frequenza

quasi non potesse prendersi il suo tempo

il nostro tempo  già non saprei quale sia

solo che le righe sono sulla pelle

così pare scorra il nostro tempo

il mio  il vostro e il tuo

che è finito da un pò ormai

e io ti ripenso e ti rivivo in quelle canzoni d’amore che cantavi

di sentimento vibranti come le ali del colibrì

tutto quell’amore che non hai dato e ricevuto

ma che cercavi sicuro e non trovavi  e non sapevi come

allora lo cantavi con passione

e io

ricanto

e io  ora sento che avresti voluto

e mai potuto

anche io figlia, non so come si fa, perchè non trovo nutrimento

apparentemente appagante.

Ma in quel sentimento di emozione musicale

vibra tutto  il cuore che aspetta alla soglia

in controluce

vede  profili si abbaglia e poi  comprende

di nuovo  non sei tu, non puoi essere tu

il bisogno di amore e di cibo

velocemente prendere quasi prima di

essere scoperti bisognosi

di famelica ignoranza

 

Falò tristi, biscotti al cioccolato, scene di sesso esplicito

Falò non si accendono per segnalarci allegria

no, pare lo si faccia per fare male farsi male farci male

fuori controllo o invece in una grossa strategia di controllo, Italia di agosto brucia di fumo nero di alberi ormai anneriti di ossigeno compromesso

e i soliti a fare affari in modo neanche troppo occulto…

osservo scene che non vorrei odori dannosi

guerre di rifiuti che avanzano pare lasciarsi andare alla distruzione.

Biscotti tondi per tamponare questi buchi sul cuore una falla un biscotto! Per non affogare un tappo.

Sesso esplicito: inizialmente è la storia del conosciamoci

parade di clown nani e ballerine poi diventa mi faccio i cazzi miei e tu adeguati

anzi fa come ti pare la scena è palese non c’è niente da indovinare la merce di corpo dove il sentire non è legato all’ esserci ma alla confusione dei casi miei dove tu non entrerai mai, ci ho troppo da fare però in qualche scenetta possiamo esibirci

Ebbene sembra tutto molto amaro in bocca

ma forse non lo è

forse il no è davvero prepararsi per qualche grande sì

e poggiarsi a riposare su rocce di un Atlantide scomparsa lucana

stella marina non estinta che cade e si frantuma,

pulsa sempre vibrazione di mente libera e insolitamente solita

sarei

io

nonostante

 

Tecnica del sovescio consigli pratici

SOVESCIO Pratica antica dei contadini per concimare in modo naturale il terreno

 

Sì mi ci dedico pure io, credo a tempo perso essendo non contadina autoctona.

( certo cerco terreno fertile per piante future)

(No chimici solo con luna calante per farlo)

Si tratta di seminare e  far crescere  belle insolite erbe con fiori vari

e poi interrarle nel terreno a 10 cm di profondità

 

Chi? Che? Beh varie varietà di erbacce:

Confusi, non so cosa voglio da te ma sei la donna della mia vita viviamo assieme facciamo figli poi sparisco

Ti mostro per colpirti la mia ricchezza interiore ed esteriore è una farsa (poracci inside)

Ossessivi nelle loro ciambelle narcise, schermi telematici docet

Non ho tempo per la bellezza la condivisione lo stare assieme (mentre tu stai cercando tempi e sacrifici e progetti non solo di idee )

Ho figli mogli pazze lavori impossibili poco tempo per vivere bene

Sono Senza soldi o casa offri te

Non vai bene, non sorridi, stai dritta con la schiena su su

In competizione latente

Bugiardi free lance con dentatura Durban’s

Ascoltatori di musica improbabile

Falsi intellettuali  filosofi schizofrenici

Alcolisti poco anonimi abbastanza drugs addict

Giudici sommi di quello che tu saresti/faresti, con soluzioni elisir da concederti pronte per l’uso

Poligamici essenzialmente impotenti emotiv sexual

Io il preservativo no

Ti posto foto di pezzianimali sanguinolenti da azzanarcucinare, ah sì vegana? Chissene che sarà mai

Volgari su battute troppo facili da terrore della femmina Godzilla

Pigri scarsezza di proposte

Lamentatori aggressivi pilota automatico on

Non viaggiatori sì facciamo tutto last minute poi magari lo cancelliamo anche

Politicamente prosciutto, magari rancido, sugli occhi

In conflitto con la mamma ‘assente’ o presente nel lavare stirare cucinare pure se portatori di mezzo secolo sulle spalle.

 

Infestatori delle mie brame diventerete concime

Organico

poi

se il mio orto verrà su bene metterò foto, lo prometto.

Aspetto  in data da destinarsi natura rigogliosa e produttiva

 

Foto illustrativa (forse  in versione doppia): Sfere ruotanti (che girano)

di questa estate senza vacanze in città accaldata

 

 

 

Tram N.5

Torrido di luglio di luna piena

tubo di ferro in ritardo

si riempie di cuori umani e di vite

naufraghi e sopravvissuti,

tanti,

stranieri a noi stessi che andiamo nelle periferie dell’impero

verso le follie già conosciute.

Spesso addormentati di liquidi etilici o droghe o desideri

dove eros strappato ai sentimenti.

Sputa persone il tubo e poi lentamente

riparte,

Ne divora altre certamente in attesa

lo spazio vitale è poco gli odori tanti

e il contatto inevitabile con mappe di pelle antiche.

Io ci sono e sono qua nel tubo

in ritardo, con voci che non conosco

verso luci in movimento e immagini deformate.

Arriva la notte e il desiderio di percorrere città da sola

con il buio e spero fresco e vedi

umani su gradini che vorrebbero dormire per non svegliarsi

o altri in gruppi rumorosamente confusi come nebbie,

soli tuttavia

guardo la luna che possa dirmi

perché quello che accade mi lascia sospesa

perché il mio corpo ha una patina di cloroformio e non sente bene

perché la vita degli alberi mi manca

senza il nido

e il cuore dove sono a casa

nomade eremita per un tempo bizzarro

sorridente e sapiente di conoscenze errate

chimere alle quali fare coccole

dolori imprevisti messaggeri lontani

ma poi lì

è la strada

in viaggio

da fermi

non capisci

tu non capisci quanto m’irriti non trovare quel filo, nel groviglio di fili  elettrici non trovo il carica macchina fotog…perchè tanto disordine? non trovo il filo di energia per ricaricare,

lo so,  tu non ci sei più e quante cose avrei potuto imparare da te (guardando le tue vecchie cose che tengo nell’armadietto- non posso buttarle non ora almeno).

non capisci  quanto sia grave questo ristagno ( e il lupo che soffia sulla casa instabile del porcellino che scelse la paglia e l’idiozia).

di questi giorni in isolamento coatto  (a causa di polmoni in tilt)

ho perso il respiro  (e la noia e la gioia)

anche il desiderio( ma quello è sempre stato gioco a nascondino nel peregrinare a vuoto) spesso

già in viaggio e il nove e l’eremita e a te che penso pure con  sorriso da joker (il male dov’è? e la follia? e il demone insoddisfatto? e l’egoismo…)

non capisci

sono anima instabile funambula (non da rassicurare o confortare)

nomade ma stanziale per ora

voglio vivere tutto

anche se perdo tutto

(apparentemente)

 

 

 

non capisci  (siamo diversi?)

ho fame

 

passione

Il mio sguardo si volge verso questa via di platani sotto la mia finestra.

Altre stagioni, loro sono sempre lì, cambiamo abiti gli alberi non si muovono.

Vicino a uno di questi platani un giovane uomo ha perso la sua vita non tanto tempo fà.

Il platano ha assistito a tutto questo veloce divenire dove la tua moto e velocità scivola, muori sul colpo. L’albero ora è diventato un luogo di stupore, lacrime e letture. I tuoi tre bambini ti hanno disegnato e scritto, io non so cosa, non ho letto, ma vedo altri che si fermano per leggere di te sulla corteccia del platano testimone di dolore e incredulità.

Ci sono fiori e girandole, candele accese e oggi qualcuno ha fissato al suolo pure una panchina di legno.

Siete distanti ma noi vi sentiamo presenti ovunque siate o facciate, ci mancate.

Ma non si trattiene chi se ne va, io sento come se venga assorbito dentro noi… i ricordi o quello che ci avete dato diventa una centrifuga che porta ad andare avanti

pure se manca il respiro

pure se ci si ammala

pure se ci si ferma

pure in quei momenti che si vorrebbe solo dormire o non sentire,

pure se si è contenti per una voce nuova ritrovata o si è perso il senso.

L’albero sa tutto e porta con sé

capendo che la vita è radicamento stupore e sentimento.

E poi anche riuscire a respirare…

ti

TI ritrovai nella bellezza di abbracci e contatti di carnemateria

ma non avevo fiato da respirare.

ti aspettavo nella presenza della forza

ma non riuscivo a credere reale.

dimenticavo anelli di latta

e abbagliata trovavo un cerchietto d’oro,

luminoso e perfetto

ma cadendomi nel fango

non era più riconoscibile,

di sicuro puzzava come il mio macerato d’ortica che attira insetti da ogni dove

non voglio larve di coccinelle per preservare la salute  combatti afidi

rischio i probabili parassiti

mi dici di tenere a bada la mente

chi ci bada ormai

quelle storie che mi hai raccontate le conosco già.

in volo ritornano

Gli uccelli migratori son tornati sul balcone

ne hanno da raccontare e io al solito li ascolto…

anche io ne avrei da dire

non un  inverno semplice

di mancanze perdite avvicinamenti scoperte e delusioni

In primavera tornano

mi hanno portato qualcosa di nuovo

tra le zampette

sbrilluccica

 

cerco di afferrarlo e lo vedo: un piccolo cuore di oro rosso raccattato chissà dove

ritornano loro e ritorna il cuore

sarà da fidarsi affidarsi crederci farci una  risata su

sui voli miei narcisi e vani  pure se in cerca di approdi

spero il cuore mi cucini qualcosa di buono

e si dia generoso e coraggioso di tempo.

come il cinguettio degli uccellini carichi di storie e luoghi incredibili

in arrivo

freak show

non hai pagato il biglietto ma ci entri lo stesso

uomo tacchi a spillo e parole di ghiaccio prima apparizione da trickster

anche un ubriaco cronico di sguardi assassini  (punta un coltello capelli in fiamme vomitare senza amplesso)

e la cura di quel viso del passato ormai morto un volto che cucina aria fritta non ascolta con  cuore rosso intrappolato nella rabbia

pure  quello con voce suadente che medita a dieci cm dal suolo con le tasche cariche di bugie grosse come sassi o macigni, se ti prende di mira ti colpisce sicuro con parole fuori luogo o sorrisi  ballo in maschera

 

negli ultimi due giorni apparsi due  sconosciuti

il gigante e lo gnomo

mi salutano con abbraccio e poi prendono in ostaggio la mia mano imbarazzata  per secondi  attimi catturati  per trovare contatto o chissà quale linguaggio altro

E’ un segno

il secondo tempo del freak show comincia

venghino signori e signore

 

ci sarà ancora da ridere

il cuore rotola palla da biliardo

bisogna emozionarsi

lo spettacolo sta per cominciare

Blog su WordPress.com.

Su ↑