Balli questo valzer con me?

 

Ma salirai come un onda del mare

Travolgerai tutte le mie paure

Sì soffierai come il vento d’estate

raccoglierai i miei giorni perduti

(A.Parisi Il Valzer di Roma)

 

Parli.amo d’amore ogni tanto, ma solo ogni tanto eh!

Perché di muri e crudeltà e bestiacce che ti portano all’improvviso la signora con la falce che più o meno d’impulso decide di farsi un giretto con chi era con te prima…ne abbiamo piene le scatole e ora potrebbero farsi scatoloni pesanti e ingombranti.

Allora spero e mi dispero meno,

pure se sono stati sei mesi carichi

di sorprese

dolori e  delusioni, paure e sconfitte apparenti.

Poi cavalchi onda con quel delfino sconosciuto

non sai se vuole giocare o legare con te trame di madreperla e corallo

Non sai, ma salirai in superficie

e giocherai il cielo blu acquamarina e anche quel verde smeraldo alga nutriente,

oltre le mancanze e le distanze.

Pure se, sicuro, troverai un giudizio sassolino in qualche scarpa vedendo solo imperfezioni, sfumature di dubbio e contraddizione. Magari il sassetto  lo scambi per una perla rara.

Amare, amarsi un po’ e trovarsi in ordine disordinato

mi sono persa e ti ho ritrovato

sarà vero sarà falso.

Ricomincia la giostra

tra le tue braccia,

è così stavolta pensi che possa venire meno vertigine

perché tutto gira gira

e tu potresti ridere ridere spassionatamente

dopo il sale abbondante

e le ferite e le inquietudini

( amiche mai troppo lontane o distaccate)

Dai! Giochi.am(iam)oci un pò tra le onde

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...