Dove sei?

E’ da un po’ che non ci parliamo, se poi lo avessimo mai fatto non so, forse mancavano le pre.posizioni giuste, non so. Mi manchi, veramente mi mancano tante cose… queste ombre di uomini sui muri giocano alle ombre

gli elefanti e io il piccolo topo impaurito.

Sono stanca di questo non amore non tempo non verità non presenza, menzogna di vita incostante.

Ti assomigliano in un certo senso queste ombre e tutto questo mi fa senso talvolta.

Non è che ti cerco io non cerco nulla trovo e

sono trovata nell’impossibile nonsense impassibile

ai moti di un cuore

schizofrenico.

Tante parole vane e illusioni, teatrini di guerra e gente maltrattata nel suo diritto a vivere e respirare

tanta disonestà.

E crepe nei muri, oggi ne ho viste due. I bambini me le hanno indicate ho dovuto dire loro che va tutto bene tutto è sotto controllo e invece forse non lo è, aspettiamo prossimi crolli non sappiamo dove ci porteranno e intanto le nebbie e le sirene ammalianti continuano il loro lavoro.

A te piacevano le parole anche a me, ma qui c’è bulimia, sai quello che ti viene detto amorevole poi viene rivomitato e sputato in faccia con una crudeltà che tu forse sai perché era pure la tua:

le parole cicatrici che continuano a far del male agli altri.

Cosa ti devo raccontare della mia vita?

Che non va da un po’, a volte potresti tirare via il tappetto nero di quelle vasche e finire così giù per le fogne e scomparire nel niente o nel tutto. Saranno le ombre sul muro saranno i cuori congelati sarà il desiderio di venire abbracciati dalla realtà che ti sorprende

e invece smetto di credere… e così rimane solo la fogna

talvolta forse anche te l’abitavi ma ci facevi credere altro

(poi erano le sostanze chimiche d’aiuto per dormire e non pensarci più, sconfiggiamo il destino della famiglia)

Di questa fragilità e anche sfiducia se vuoi, ho avuto eredità ma c’è altro che mi sfugge che non segue il binario la convenzione il tanto è così e sarà sempre così perché io sai non mi rassegno a rimanere infelice.

Insomma, caro papà, brucia tutto.

Qui fa freddo, chi non ha una casa, un lavoro, un amore reale.

Mancano tante troppe cose

perché se perdi il senso

sei perduto.

E io mi sono persa un sacco di volte

 

Annunci

2 thoughts on “Dove sei?

Add yours

  1. “Sono stanca di questo non amore non tempo non verità non presenza, menzogna di vita incostante.”

    le non-presenze che sono peggio delle assenze e basta.
    Un abbraccio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: