Se chiudo gli occhi non sono più qui

Cerco di non sentire dolore

Resisto

Sono giovane

O sono vecchio

In equilibrio precario

Muoio e vivo

Mi ribello e cedo

Trovo uno spazio tra le stelle

 

 

Questo film racconta e

muove corde di emozione che risuonano

come quei sassi di fine scena nel fiume.

Ognuno, come sempre, ha i suoi di sassi da portare,

poi ci trova su le domande o le risposte che vuole.

 

Non sempre capita di trovare poesia al cinema (italiano),

qui sì e non si compra ad etti.

Questo film è scritto assai bene, gli attori ‘centrati’, molti non sono professionisti.   Pare ci abbia messo 5 anni per compiersi. Vittorio Moroni, regista et co-sceneggiatore, ha animo speciale,  già visto Eva ed Adamo 

e a fine film (io mi nutrirei a pane e filmdocumentari) ricordo

avevo avuto in dono dal regista un fotogramma della pellicola   conservato ora  da qualche parte.

 

quando manca un padre o una madre

manca quella scuola quando ci vuole tutti asserviti a quello che non serve sapere

manca la presenza a quegli sguardi di esseri con vite clandestine e lavoro nero poco umano

poi la violenza banale

l’assurdo della vita  ti spiazza sempre

in fondo, il dolore questo nostro pane quotidiano, anche se duro, ci fa bene lo stesso.

Consiglio di andare a vederlo

Cercarlo,

è piccola distribuzione, come al solito,

qui funziona solo il passaparola.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: