l’origine delle specie

 

Sulla metropolitana Linea B Direzione Rebibbia ore 17 di un luglio 2014.

Due ragazzini discorrono: li chiamerò il grande e il piccolo.

Il grande:

   Vedi i detriti incandescenti del sole a contatto con l’universo freddo si unirono insieme e così nacque la terra, poi arrivò l’acqua e le nuvole…

     E anche il vento!- aggiunge il piccolo

Sì certo, anche il vento-continua il grande- e crebbero rocce e poi si formarono oceani e prime vite acquatiche che diremo pesci primordiali. In seguito, arrivarono anfibi e poi i rettili

      Come i dinosauri! Il piccolo

Ovvio -prosegue il grande-  cacciando, mangiando e rinforzandosi questi animali crebbero sempre più. Infine, compaiono i primati

   Che sono le scimmie! esclama il piccolo

Sì anche -il grande- Sai, erano particolarmente intelligenti

 

‘ecco arriva Darwin ora’ (io penso e sorrido)

 

e da lì arriviamo all’evoluzione finale: l’uomo deriva da loro ed è la forma piu evoluta sul pianeta terra

   Più evoluta per ora- puntualizza il piccolo

Sì ovvio per ora- replica il grande.

 

Questa serissima conversazione di creazione, in un vagone afoso e affolato da turisti e gente distratta, finisce qui.

Ma prima, allungo lo sguardo per guardarmeli ‘sti due , ora il grande dallo sguardo intenso, abbraccia il piccolo con una tenerezza da fratello maggiore di almeno 6 anni.

Certo, penso, questi potrebbero essere quei miei  figli non avuti, sufficientemente nerd e teneramente ‘diversi’ per essere mia prole.

Che orgoglio di mamma oggi.

Questa storia è esattamente così e ora  vagano per il loro mondo che sarà sempre più bello e arduo, lo giuro.

Annunci

3 thoughts on “l’origine delle specie

Add yours

  1. a volte i viaggi/le attese della metro regalano questi piccoli, inattesi e gustosi spaccati di umanità. che poi sono quel genere di cose che mi fa ancora sperare nell’essere umano 😀

  2. Bello il racconto. Sarebbe bello che ai bimbi e ragazzi venisse detto che quella dell’evoluzione è una teoria e nessuno l’ha effettivamente provata…. Ma questa è un’altra storia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: