storie sono solo storie (di fantasmi)

La regola aurea era: mai andare a fare la spesa negli ipermercati perché poi ti ritrovi con file  per pagare quasi Kilometriche.

Infatti, in coda, l’attesa sarebbe stata interminabile (avendo, come d’abitudine, sbagliato fila, la sua sembrava la piu snella invece era quella accanto   ad essere diventata superveloce).

Ipnotizzata dai carrelli davanti a lei, calcolando i tempi di percorrenza, scorre tutta la coda e poi si ferma proprio   lì davanti ad osservare la nuca di quell’uomo molto familiare. No, non può essere! E’ lui, saranno passati 15 anni…Ci si sorride, abbraccio orsesco (lo aveva dimenticato com’era)  come stai toh guarda ho la cartella dei miei lavori sottobraccio te li faccio vedere. Sì dei piccoli capolavori ora ricordava, ma lì umano e relazione c’era assai poco. Si era sposato, diventato piu ‘famoso’ sempre in acque alte con il lavoro, eppure con quel talento…

Di lei, lui chiede quasi nulla quando lei nessuna intenzione di fornire troppi particolari di quegli anni passati.

Questa la folgorazione, la conferma del narcisismo che era stato, dove poi sarebbe stata ‘cancellata’ dalle tendenze sadichedepresse del tipo. Anche a distanza tutto rimane immutato. Ma era invecchiato, pure con quel suo sguardo sornione .

Lei e la maledetta spesa globalizzata: aveva ritrovato un fantasma, anzi

Il fantasma,

di quelli che ti porti appresso tutta la tua vita (e forse pure quella dopo). Grande amore magari no, ma attrazione di testa creatrice, sì di poesia ironica e di parole surreali, forse con i corpi al tempo si navigava poco. Non lo ricordava, ma sicuramente il tutto era assai originale.

Quanto gli era mancato in quell’irripetibile che non   avrebbe ritrovato negli altri uomini, per questo lui si era degnamente conquistato lo status di fantasma.

 

Infine, a distanza di mesi, dopo tempeste e mari calmi di vario tipo, cercando di riparare alcuni ultimi anni appena trascorsi tra smemoratezza e deliri e contatto a fior di pelle, ebbene si materializza ‘ un altro’ che cerca conferma potenza e controllo. Certo capito il gioco da subito, ma con nuovi risvegli = quindi se il corpo chiama si va ad indagare.

 

Sembra degna copia del fantasma N#1, ma non se ne era accorta affatto, lui portava sempre un cappello che copriva per metà il suo viso.

Il nascondersi era parte delle fascinanti dinamiche di avvicinamento. Ma quando la testa era stata scoperta e lei aveva visto i suoi capelli e quello sguardo topesco molto vigile a non tradirsi, ecco era tornato, identico in modo impressionante  nelle fattezze del viso.

Forse quasi che l’incontro di mesi prima fosse presagio di questo. In effetti il narcisismo e le fughe c’erano tutte, non faceva una piega, purtroppo le piaceva, ma era merce che scotta dato che nel suo viso erano impressi i marchi dell’altro: la testa super pensante e creante, ma anche il rifiuto dell’umano e del contatto.

 

Sempre quel giro di giostra là, uomini dove ordinarietà non si scorgeva ancora (cioè quel ritrovarsi tra persone che entrano in relazione come ‘normalmente’ sane) perché ci voleva sentimento oltre che intelletto per capire   quella pesante leggerezza e leggera profondità che lei cercava di costruire.

 

Non capivano non sentivano non vivevano

ma giocavano ai magneti con cariche per lo più negative

andare andare

smettere di frequentare ipermercati

rimanere nel mondo dei suoni

che ti fanno stare in piedi e sui piedi

e dipingere di rosso la stanza era questo

 

pure se il corpo reclamava nostalgie e mancanze

 

e quindi: cantarle

lui  al suo amore

nostra versione

Annunci

2 thoughts on “storie sono solo storie (di fantasmi)

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: