Sette8zero

Una giornata festiva, i bus alle periferie dell’impero passano poco, ma sono sempre pieni di tanto.

Imparo cose nuove perché macchina non ho e mai l’avro’ e così vedo quello che accade in un microcosmo che è meglio del cinema di serie B a cui siamo costretti ad assistere nostro malgrado.

Si entra al centro, un tempo era proibito … ormai pure qui è tutto nella politica  del centro (dei miei interessi non dei vostri), a fatica conquisti uno spazio e poi respiri a tempo con le frenate.

 Il violinista slavo con vestito da festa è molto interessato alla spiegazione del gratta & vinci della cassiera del bar di piazza Venezia che sta andando al lavoro. La cassiera è una giovane donna carina e  semplice di aspetto, loquace anche con chi  gli chiede nel bus se viene pagata bene.  Lei è vera esperta, sa tutto, e lui, insieme alla sua famiglia, la sua donna che canta, prende i biglietti che la ragazza gli porge e interviene nel discorso, forse immaginandosi di vincere quegli  zeri, cancellando   gli spazi giusti.

 Con la coda dell’occhio vedo un omino singolare, potrebbe essere personaggio di gonzalo tavares: foulard di seta al collo, occhialetti e un vistoso bastone con pomo di anatra dorato, vedo meglio:hanno la stessa espressione sarà la vicinanza quotidiana.

 Il supplizio dell’ apri e chiudi al centro, tutto si gonfia e sgonfia, continua. Ora sale lei,  vestita di stoffa celeste, solo il viso cicciotello è visibile, porta il suo peso di carrozzina con bambino incluso. Noto le sue mani  piccole, avrà un po’ piu di 18 anni ma uno sguardo così serio e solitario.

Il violinista pizzica le corde del suo  elegante violino di legno chiaro, così per far sorridere il bimbo. Osservo che la mamma rimane imperturbabile sotto la sua copertura anonima, forse il bambino, lui almeno riesce a sorridere.

 

Se ci riuscissimo a stare tutti pigiati con tolleranza e accettazione, meno ipocrisia religiosa e bigotta, ma rassegnati no, alle invasioni, no, alle aggressioni no.

Curiosi, sì, di stare vicini  sì, pure se gli odori sono diversi come i vestiti che indossiamo e che magari neanche scegliamo.

 

Questo sarebbe solo uno dei tanti bus da prendere ogni giorno.

Annunci

5 thoughts on “Sette8zero

Add yours

  1. Grande!
    Solamente chi sa, solamente chi vuole, solamente chi non ha paura riesce a far diventare grandi le piccole cose, anzi le vede dentro, come un microscopio elettronico, e ce le rende nuove e inaspettate.
    E gli altri? Guardano il parabrezza, la strada, il semaforo, l’orologio, il vicino sospetto, l’automobile davanti, le angustie, il loro non-futuro di corto respiro.
    E’ faticoso, è rischioso, tenere gli occhi aperti per “vedere”, ma la curiosità è insopprimibile.
    🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: