Mi porta la carta dei dolci?

Oggi abbiamo giocato alla  trinità, il padre il figlio e l’uomo,  gioco delle tre carte attenta a come scegli…

E ucciderti all’alba di un altro amore, pensieri raminghi utimamente, vagabondi tenaci  che provano  a chiederti: che ci hai  100 lire? E tu sei impotente perché sono solo ricordi con patine  bianche e sapori amari in bocca  e come scegli potresti scegliere  male  sto male che circonda e affonda i nuovi e i vecchi schiavi, quelli  che il lavoro lo perdono e  quelli che non lo (trat)tengono  e vivrai per  lavorare senza compenso ah certo di là sì, quindi sfacchiniam ora  che è il tuo momento poi  attorcigliati di pensieri molesti che a certi  alcuni serve se sei  deboluccio e legato alle tue sedie paralizzanti, senza pietà. 

 

Sarebbe meglio la rabbia reagire e fare senza disfare,  sapere di non sapere certo è meglio pure se un po’ demodè,  senza logica,  lo so,  appare ma  poi tutto fila liscio: certe scenette ed eventi e le ali di cera sciolte e pure chi volare non puo’ perché sta dall’altra parte, là dove si cammina con la testa china e pieni di lividi di ogni colore.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Poi lo sguardo a mare, lo guardo e tutto scompare,  magia dell’attimo di  riposo prima  di rientrare sul palco di parole  pesanti e arroganti striscianti,  coloro che solo per una uniforme da scienziato pazzo credono di controllare i destini del mondo e umiliano e ti fanno pagare quello che non dovresti, allora beffarde piccole ingiustizie quotidiane  su di te che identità e nome hai.

 

e gli altri?

 I senza nome senza carte senza scritte parole che  gli danno àncora per rimanere aggrappati a un po’ di umanità?

 I nuovi e i vecchi schiavi di vari  tipi e  attitudini,   aggiungo pure schiavi di schermi luminosi che purtroppo non riflettono bene cose vere, sono solo  ombre ma ne abbiamo bisogno.

Magari  sale la benzina e userete i piedi  ma non potrete volare, costa troppo,  pero’ guarderete il cielo e il mare e alle stelle chiederete:

 Ma come è assurdo questo fare e disfare di persone e cose precarie di sentire e  essere? 

Risposta non c’è, quel tizio  dice tutto è illusione pure  usare questo frullato di parole che se ci metto  il latte  risulta indigesto il latte ci fa male…beveeete piu latte perchè a loro conviene

Annunci

3 thoughts on “Mi porta la carta dei dolci?

Add yours

    1. un mare come tanti e diverso da tutti gli altri, le foto sono sbiadite perche lenti della macchina lo sono da un pezzo, forse tra un po’ comincero’ a mettere a fuoco, siamo vicino la spezia qua

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: